Barzagli – Toxic, 8 giugno – 28 luglio 2011

Barzagli – Toxic

Four Hands

The Human Functions 

a cura di Luca Beatrice

 

L’8 giugno 2011 la Galleria d’Arte Frediano Farsetti inaugura una mostra di opere di grande formato nate dalla collaborazione di due artisti: Barzagli e Toxic.

L’evento nasce in sintonia con gli intenti programmatici della galleria fiorentina, che fin dalla sua ideazione si propone di affiancare a grandi retrospettive sui maestri del Novecento italiano ed internazionale, come la grande antologica d’apertura dedicata a Giorgio Morandi (2 aprile – 31 maggio 2011), proposte più sensibili alle ricerche della contemporaneità.

unnamed (1)

 

L’incontro tra i due artisti avviene in Italia nel 2000: ne nasce un’amicizia, che si consolida in occasione del soggiorno newyorkese di Barzagli e porta alla creazione di filmati, spesso accompagnati dalla musica rap, e a questa serie di grandi lavori a quattro mani, opere suggestive e dal forte impatto, in cui lo stile del graffitismo newyorkese di Toxic, si mescola alla fotografia e alla pittura “a impronta” tipica dell’artista italiano. Un’occasione unica, dunque, di vedere il frutto dell’incontro tra due mondi diversi per background, linguaggio ed esperienze, che si scoprono vicini e affini nell’approccio all’opera, lavorando insieme, come spiega lo stesso Barzagli “come due musicisti”, in un’orchestrazione complessa ma armonica di forme, figure, scenari e colori.

Massimo Barzagli nasce nel 1960 a Marradi; tra le molte mostre personali, quelle collettive e le perfomances si ricordano quelle del 1990, 1996 e 2000 alla Galleria L’Attico di Roma,  nel 2002 all’Art Convention Center di Miami, alla Michelle Rosenfeld Gallery di New York e a Palazzo Strozzi, Firenze, nel 2006 al MOCA di Shangai, nel 2009 al MACRO di Roma e nel 2011 al Museo Pecci di Prato.

Toxic (Torrick Ablack) nasce nel 1965, a New York, nel Bronx. Comincia a dipingere giovanissimo, a 16 anni, con il gruppo graffitista newyorkese, lavorando a stretto contatto con Jean Michel Basquiat e il gruppo di Rammelzee, The Death Squad, con lo pseudonimo di C One. Tra le moltissime esposizioni a cui ha partecipato ricordiamo quelle del 1994 a Miami, del 1997 a Los Angeles, del 2006 al Brooklyn Museum di New York, del 2009 alla Fondation Cartier e al Grand Palais di Parigi. Attualmente Toxic vive e lavora tra gli Stati Uniti, la Francia e l’Italia.

Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *